In offerta!

STORIE D’ACQUA

13,00

Contado di Milano: dalla formazione della Pianura alla civiltà dei fontanili e dei navigli lombardi

Descrizione

…è il più grande utilizzo delle acque mai avvenuto al mondo” ebbe a dire Gaspard Monge (incaricato di sovrintendere alla requisizione delle opere d’arte al seguito dell’armata Napoleonica), stupito dalla geometria dei campi della Pianura padana, impreziositi dai ricami di canali, intrecciati a fossi, navigli, fontanili.
Su Milano – isolata, a quote attorno a m 120 s.l.m. – furono fatti convergere, tre grandi corsi d’acqua: Vepra (derivata dall’Olona), Nirone e il Seveso deviato bruscamente dal suo alveo naturale. Come se una mano gigantesca li avesse proiettati verso la città.
La storia di Milano (e della Lombardia) ha radici lontane. Il tempo ha cancellato molte delle sue vicende, ma i corsi d’acqua e i navigli – origine e ingegnosità dello sfruttamento, qui descritti – ci offrono, in lettura, una grande parte del suo luminoso passato.

Informazioni aggiuntive

Autore

Gabriele Pagani

Formato

cm 16,5×24

ISBN

979-12-200-2221-7

Pagine

274